Tokio  love hotel
Giu28

Tokio love hotel

  Tokio love hotel «Un hotel dove gli uomini e le donne si incontrano. Un hotel dove i corpi e i cuori si mettono a nudo. Un love hotel di Kabukicho, il quartiere a luci rosse di Tokyo». La voce off inizia il suo racconto e scivola sulle immagini. 2 minuti che condensano lo spirito – e lo stile – di Tokyo Love Hotel, il racconto corale del bad boy giapponese Hiroki Ryuichi, presentando, tra erotismo e umorismo, tutti i personaggi di...

Leggi di più
Segreti di famiglia
Giu28

Segreti di famiglia

Segreti di famiglia “Segreti di famiglia” è un’opera sottile e immaginifica recitata da un cast prestigioso che non smentisce le aspettative. Nel cinema di Joachim Trier, la letteratura, e per estensione la scrittura in tutte le sue forme, è l’unico modo di evitare l’inerzia e la morte. Nel suo ultimo lavoro il cineasta norvegese insiste su questo concetto, incentrando il narrato sul personaggio di Conrad, cadetto di una famiglia in...

Leggi di più
Mother’s day
Giu28

Mother’s day

Mother’s Day   Dopo “Valentine’s Day” e “Happy New Year” (in italiano rispettivamente tradotti con “Appuntamento con l’amore” e “Capodanno a New York)), Garry Marshall spunta una nuova casella del suo calendario con “Moder’s Day”. Negli Stati Uniti questa giornata è interamente consacrata alle madri: piovono fiori, colazioni a letto e piccoli regali fabbricati a scuola. Certo, anche noi abbiamo una Festa della Mamma ma, si...

Leggi di più
Gueros
Giu25

Gueros

Gueros Una delle caratteristiche più tipiche dei film appartenenti alla Nouvelle Vague era quella di presentare storie che nascevano dal pedinamento di personaggi ripresi durante  i loro spostamenti per le strade della città. Favorite dall’apparente casualità di quelle camminate, le immagini proiettate sullo schermo non sembravano il risultato di un programma prestabilito ma il frutto di azioni dettate dal momento. In questo modo...

Leggi di più
I miei giorni più belli
Giu23

I miei giorni più belli

I miei giorni più belli Dopo aver lasciato il Tagikistan, dove ha fondato diversi anni fa una scuola, l’antropologo Paul Dedalo ricorda vari eventi della sua vita. Della sua infanzia a Roubaix, si ricorda la madre, che ha terrorizzato tutti con un raptus di follia. Si ricorda anche una grande zia che gli ha dato  conforto e suo padre, che non si è mai ripreso  dal suicidio della moglie. Mentre si prepara a tornare in Francia,...

Leggi di più