Bolshoi Babylon

Bolshoi Babylon-La storia dei Bolshoi degli ultimi anni raccontata dai media internazionali resta a tutt’oggi misteriosa e complessa. Il fatto più eclatante risale alla sera del 17 gennaio 2013, quando l’ex primo ballerino nonché controverso direttore artistico della compagnia di ballo del Bolshoi, Sergei Filin, fu aggredito sulla porta di casa da un uomo mascherato che gli gettò sul volto dell’acido solforico. Filin riportò gravi ferite e rischiò di perdere la vista. In quei giorni le conseguenze dell’accaduto erano difficili da stabilire, ma l’arresto e l’accusa del ballerino solista del Bolshoi, Pavel Dmitrichenko, resero ben chiaro ciò che gli ambienti interni del Bolshoi sapevano già da tempo: la compagnia di ballo era divisa da scontri di personalità, giochi di potere e gelosie reciproche ….

Il regista e direttore di produzione inglese Nick Read residente a Londra e conosciuto per la realizzazione di documentari di grande successo in location tutt’altro che facili, con Bolshoi Babylon attua una vera e propria inchiesta, utile ad approfondire i casi più spinosi connessi al celebre teatro russo ;  lo spettatore – sospeso fra “incanto” e disillusione – rimarrà spiazzato – a tratti incredulo – dal palesamento delle ossessioni dei vari artisti e dai ruvidi fatti di cronaca mostrati per tutta la durata del film.  Quello che è interessante di questo lavoro è la volontà  da parte del Teatro Bolshoi di Mosca, di consentire ad una troupe cinematografica l’accesso totale senza alcun tipo di restrizione al suo “dietro le quinte”. Ne è nato un documentario che racconta dall’interno gli intrighi del teatro più famoso di tutta la Russia e la vita degli artisti a cui spetta il dovere, giorno dopo giorno, di mantenere intatto il suo antico prestigio.

Nick Read anche questa volta regala un contributo documentaristico poderoso, quasi inattaccabile. Il suo trascorso nell’aver lavorato in oltre 60 paesi conseguendo ben due premi della Foreign Press AssociationInside Israeli Jails -, il premio Rory Peck Impact AwardSlumdog Children of Mumbai – e il premio Creative Diversity Award per il migliore documentario – Letting Go – lo hanno reso più determinato sul piano prettamente registico. Anche con Bolshoi Babylon infatti,  il regista anglosassone sfodera una sferzante incisività, trattando una tematica mai approfondita, totalmente inedita. Una storia di odi e rancori direttamente dal Teatro del  Bolshoi che  non sembrava potesse trovare una giusta – se non pacata – conclusione …

Alessio Giuffrida

DATA USCITA : 2 maggio 2017
GENERE : Documentario
REGIA: Nick Reed, Mark Franchetti.
ATTORI: Maria Allash, Andrei Budberg, Anastasiya Meskova, Roman Adamov, Sergei Filin
DISTRIBUZIONE : Nexo Digital
PAESE : Gran Bretagna
DURATA: 90 min.

bolshoi-babylon-locandina-film



Voto della redazione
Voto degli utenti

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento