MedFilm: 37 Seconds

Per sfuggire dalla sua vita opprimente e per smettere di lavorare come ghostwriter Yuma, 23 anni, un’artista di fumetti ingenua con paralisi cerebrale comincia a illustrare un manga erotico. Tuttavia, nonostante il talento di Yuma, Fujimoto, l’editore, rifiuta il suo lavoro a causa della sua mancanza di esperienza sessuale e le dice di tornare solo dopo aver perso la verginità. Dopo un disastroso incontro in un equivoco albergo, Yuma fa amicizia con Mai, lavoratrice sessuale e al contempo stesso badante di Toshiya; un incontro che cambierà radicalmente la mite vite della giovane conducendola in un inaspettato e doloroso viaggio che si rivelerà portatore di verità.

Hikari è una scrittrice, regista e produttore pluripremiata. La sua opera prima come regista “37 Seconds” (2019) ha debuttato alla 69esima Berlinale e ha ricevuto il Premio del Pubblico e il Premio CICAE Art Cinema ed è stato nominato per il Miglior Film. Altri premi che ha ricevuto: “Tsuyako” (2011, Vincitore del DGA  Student Award ed altri riconoscimenti.

Nonostante una stilistica decisamente degna di nota, 37 Seconds è un una “favola contemporanea” esageratamente struggente, a tratti banalizzata da una stesura narrativa molto scolastica, che convince poco. Opera prima per una regista che se vuole cimentarsi nella settima arte deve lavorare ancora molto …

Alessio Giuffrida

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento