NETFLIX: Love Death & Robots volume 2

Love Death & Robots volume 2  è una serie antologica di cortometraggi animati prodotta da David Fincher e Tim Miller. Due anni fa debuttò su Netflix con una prima stagione di diciotto episodi, ispirati ad altrettanti racconti di genere horror e fantascienza. Oggi torna con un Volume secondo composto di 8 cortometraggi, ciascuno realizzato da un diverso team/ studio di animazione. Tra gli autori, qui figura anche la presenza di Jennifer Yuh Nelson (già regista di Kung Fu Panda 2). La serie è disponibile a partire dal 14 maggio.

Love Death & Robots Vol. 2 Un’anziana deve difendere sé stessa e il suo cane da un’aspirapolvere che vuole eliminarla. Due fratelli molto diversi partecipano ad una corsa mortale in un ambiente ostile. Un poliziotto incaricato di combattere la sovrappopolazione è tormentato dai sensi di colpa. Un misterioso uomo albino e dotato di fattori rigenerativi, è inseguito da cacciatori di taglie. Un passeggero si avventura in una prateria che nasconde un pericoloso segreto. Due bambini sentono dei rumori provenire dal camino e pensano si tratti di Babbo Natale. Un pilota deve combattere per la propria sopravvivenza. Un gruppo di accademici è sulla spiaggia per studiare il cadavere di un gigante rinvenuto dalla gente del luogo.

Sin dall’esordio nel 2019, Love Death & Robots è riuscito a imporsi come un interessante esperimento nel segno della libertà creativa/narrativa. Una serie capace di dar vita a mondi fantastici in cui perdersi mettendo in scena le emozioni più recondite della natura umana. Talvolta di riflettere sulle derive del progresso e sul tema della tecnologia. Nonostante la sensazione di incompiutezza in certi segmenti, questo secondo capitolo convince e affascina grazie ad un impianto visivo (sempre) stupefacente e coinvolgente. Un caleidoscopio di narrazioni e stili più contenuto ma comunque incisivo tra città futuristiche simil Blade Runner, creature lovecraftiane e oscure distopie.

Laura Sciarretta

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment