No time to die – Film (2021)

Il mio nome è Bond. James Bond. Questa frase ci ha accompagnato per ben venticinque anni e con No time to die è arrivato il momento del gran finale. L’ultimo capitolo è diretto da Cary Fukumaga e vede ancora protagonista Daniel Craig per la sesta volta. Il film sarà nelle sale a partire dal 30 settembre. James Bond (Daniel Craig) conduce una vita ritirata dopo la cattura di Oberhauer (Christoph Waltz). L’agente della CIA e suo amico Felix Leiter (Jeffery Wright) lo richiama per un’altra  missione: salvare Waldo Obruchev (David Dencik) uno scienziato rapito. Questa nuova avventura lo porterà a scontrarsi con Lyutsifer Safin (Rami Malek) una figura che emerge dal passato e che ha un’arma in grado di distruggere l’umanità.

La pellicola, degna conclusione di una saga iconica, si svolge tra Italia, Giamaica, Norvegia e Londra. I luoghi mostrati, come ad esempio Matera, sono molto suggestivi e fanno da sfondo agli inseguimenti.  La storia è sempre ricca d’azione e di colpi di scena. In gioco questa volta ci sono anche l’amicizia e il sacrificio per un bene più grande. Daniel Craig, con i suoi occhi azzurri, si impone sulla scena ancora una volta alla guida della sua inseparabile Aston Martin. Il personaggio di spicco -tra le new entry- è sicuramente quello di Rami Malek che si presenta con una maschera come i killer in alcuni horror movie. Il suo è un perfetto villain. Ritroviamo Ralph Fiennes nel ruolo di Gareth Mallory e Lea Seydoux in quello di Madeleine Swann che con il suo sguardo dolce è riuscita a conquistare il cuore di James.

Il film ha avuto una lunga gestazione e un’uscita posticipata legata alla pandemia ma l’agente segreto più famoso del cinema ritorna sempre in grande stile con le sue numerose acrobazie ed fino all’ultimo regala sequenze da togliere il fiato. La colonna sonora firmata da Hans Zimmer e il brano dei titoli di testa interpretato da Billie Eilish fanno il resto. Mentre si fanno ipotesi su chi sarà il successore di Craig ci gustiamo questo nuovo capitolo rigorosamente in sala.

Maria Vittoria Guaraldi

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment