Sausage Party: vita segreta di una salsiccia

C’è da fare una primissima, doverosa postilla ai lettori di Dreamingcinema: non portate i bambini a vedere questo film. Detto questo poi, vi potremmo consigliare invece di andare a vederlo voi.Si perché Sausage party è il “cartone animato” più irriverente uscito sul grande schermo negli ultimi anni, e l’ossimoro tra i colori accesi della grafica animata (che riporterebbe ad un mondo in technicolor caro alla nostra infanzia) e l’irriverenza tinta di sessualità, malcostume e violenza crea uno stridio interessante, sicuramente divertente se si ha l’accortezza di una certa flessibilità morale durante la visione.

Il supermercato è il paese dei prodotti che vi vivono all’interno, e, nell’incoscienza degli Dei-umani, fanno di tutto per essere scelti e portati nel “grande oltre”, una sorta di paradiso in cui i prodotti vivranno in armonia con l’uomo-dio. Qualcosa però inizia a trapelare rispetto alla versione ufficiale, e presto si scoprirà che fuori dalle porte scorrevoli ci sono atroci sofferenze e la morte certa, utile al sostentamento dei carnefici. Intanto però la vita notturna del supermercato si anima, e i diversi reparti avanzano specificità culturali che offrono un parallelo con la società umana (vi è pure un sedicente Hitler tra le salse), caratterizzando i prodotti-personaggi sia accostando la loro provenienza territoriale a tratti etnici, sia immaginando tra loro compatibilità sessuali con cui si giocherà lungo tutto il film, fino al parossismo finale di rara volgarità (o provocazione).

Al di là di come appare, il film mostra di possedere una buona capacità di ironizzare metaforicamente sulla società e le sue contraddizioni, talvolta con voli pindarici stimolanti e paradossali (lo scontro interreligioso è risolto dando libero sfogo all’impulso sessuale, anche quello omosessuale). Il mondo all’interno del supermercato è pieno di antropomorfizzazioni satiriche, e luoghi nei quali la perdizione (nel reparto alcolici) o il mito del far west (lì dove stanno i tacos) vivono, sono delineati per impattare immediatamente con i luoghi comuni che li contraddistinguono. Sono molte le trovate acute che il film ha (chi saranno mai i grandi saggi, possessori della verità? Ma certo, gli alimenti non deperibili!), e che si inseriscono in un quadro che vuole essere a tutti i costi dissacrante, riuscendoci in buona parte, e arrivando in ultimo ad un divertimento politicamente scorretto che è ciò per cui il film sarà ricordato nel breve, o nel lungo periodo.

Joel Baldo

DATA USCITA : 31 ottobre 2016
GENERE: Animazione
REGIA: Greg Tiernan, Conrad Vernon
ATTORI: Jonah Hill, Kristen Wiig, James Franco, Seth Rogen, Michael Cera
DISTRIBUZIONE Warner Bross
PAESE USA
DURATA . 83 min.

unnamed_jpg_1003x0_crop_q85mmmm

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento