Ancora un giorno (/2018) -dreamingcinema.it

L’undici Novembre del 1975 l’Angola ottiene l’indipendenza ma non libertà. La guerra civile proseguirà incessante fino al 2002 a dimostrazione che l’apparente boom economico rimarrà un privilegio per una ristretta elite piuttosto che un’occasione di riscatto per un popolo non più colonizzato. “Ancora un giorno” racconta dei giorni immediatamente precedenti a questo avvenimento storico, durante i quali il popolo angolano rischiò di rimanere schiacciato dagli interessi contrapposti delle superpotenze della Guerra Fredda. Il reporter Ryszard Kapuscinski fu l’unico corrispondente internazionale a rimanere al fronte anche nei giorni più rischiosi per raccontare storie che non avrebbero mai avuto voce, riguardando le classi meno agiate.

Una corsa sfrenata contro il tempo verso l’avamposto più a rischio dell’Angola martoriata dalla guerra civile da parte di un protagonista audace, ossessionato dal raccontare storie di paesi oppressi che una volta liberati saranno destinati a diventare il Terzo Mondo. Il binomio cartoon/documentario contribuisce ad enfatizzare la dinamicità della narrazione, sdrammatizzando le barbarie che costellano una visione leggera ma che fa riflettere costantemente.

La storia dell’indipendenza dell’Angola ispira un film d’animazione che raccoglie il testimone da lavori acclamati come Valzer con Bashir dando visibilità ad un pioniere del giornalismo come il polacco Kapuscinski, protagonista ideale di una storia che sembra stata scritta per il cinema.

Simone Ferrera

DATA USCITA : 31 gennaio 2019
GENERE : Animazione
REGIA: Raúl de la Fuente, Damian Nenow
ATTORI:  Akie Kotabe, Wilson Benedito, Ryszard Kapuscinski
DISTRIBUZIONE : I Wonder Pictures
PAESE : Polonia, Spagna, Germania, Belgio, Ungheria,
DURATA: 85 min.

locandina-ancora un giorno-dreamingcinema

 

 

 

 

 

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento