Coup de chaud

a

 

Il colpo di calore che dà vita al titolo fa riferimento alla siccità che, colpendo un piccolo paesino di provincia basato su una micro-economia a sfondo per lo più agreste, aumenterà la tensione tra gli abitanti messi in ginocchio dalla situazione. Josef, ragazzo appartenente ad una famiglia rom e affetto da un problema di carattere psicologico/comportamentale aggravato dalla tendenza alla cleptomania, di questa situazione diventerà il capro espiatorio perfetto.

Le intuizioni visive, con una regia sempre accorta nel sovrapporre il disagio ambientale a quello psicologico, vanno a plasmarsi con la costruzione di uno script perfettamente bilanciato tra dramma esistenziale – in particolare quello specifico di Josef, caratterizzato da tic nevrotici e dall’ossessione per la musica frenchcore, eterno incompreso interpretato in maniera disarmante da Karim Leklou – e thriller/poliziesco.

Nonostante il volgere a conclusione diventi scontato dai tre quarti di film in poi, il versante drammatico continua a funzionare, specie nella riproposizione – tema centrale della pellicola – di un imperituro quanto insensato/improduttivo/inquietante scontro tra miserabili.

Antonio Romagnoli

Coup de chaud

Di Raphae¨l Jacoulot

Con Jean-Pierre Darroussin, Grégory Gadebois, Karim Leklou, Carole Franck, Isabelle Sadoyan

Drammatico 102’

Francia 2015

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment