Diabolik sono io (2019) – dreamingcinema.it

Un uomo si risveglia senza memoria dopo un tragico incidente. È solo in una grande metropoli senza nome e si rifugia in un ritrovo per senzatetto dove incontra una giovane amica che lo aiuterà a dare senso alla sua ossessione verso “il Re del Terrore”. Vagando di notte lo smemorato cerca di ricostruire la sua storia, come fosse disegnata tra le tavole del fumetto che lo tormenta nei suoi sogni, e guardando i piccoli schermi nelle vetrine della città trova dettagli e racconti di persone che hanno personalmente conosciuto l’uomo mascherato: Diabolik.

Tramite la figura di Angelo Zarcone, il disegnatore misteriosamente scomparso dopo aver disegnato il primo numero di Diabolik del 1962, che si risveglia senza memoria nei giorni nostri, si cerca di ricostruire un identikit dell’antieroe italiano più conosciuto e di successo in tutto il mondo. Il film di Giancarlo Soldi si divide tra il racconto di finzione e il vero e proprio documentario in cui attraverso interviste alle Diabolike sorelle Giussani, creatrici del personaggio di Diabolik, e molti testimoni scelti del mondo del fumetto, della letteratura noir e del cinema si tratteggiano i punti del racconto del personaggio di Diabolik e della sua compagna e complice Eva Kant. La scomparsa misteriosa di Zarcone e il mistero della nascita di Diabolik, con tutte le sue infinite storie di fuga, incise nelle tavole del fumetto sembrano avere alcuni punti in comune di cui però non si avrà mai una vera e propria risposta.

L’inconfondibile tratto di Giuseppe Palumbo, disegnatore del Re del Terrore, si mescola ad alcune rarissime interviste senza tempo, riemerse dalle teche rai in formato Super8, in cui le Giussani tratteggiano il ritratto dell’eroe che vediamo rivivere anche nelle tavole storiche dell’archivio del fumetto.

Edoardo Mariani

DATA USCITA : 11 marzo 2019
GENERE : Documentario
REGIA: Giancarlo Soldi
ATTORI:
DISTRIBUZIONE : Nexo Digital
PAESE : Italia
DURATA:

4.1 (81.82%) 11 votes

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento