Festa del cinema di Roma : The Truth

Film di apertura per la festa del cinema di Roma è Truth del regista Vanderbilt, opera prima di un grande sceneggiatore, debutto anche di Antonio Monda per una nuova edizione della Festa del cinema di Roma.
Un film  ispirato al libro inchiesta Truth and Duty: The Press, The President and  The Privilege Power. Scritto dalla giornalista nonchè produttrice televisiva Mary  Mapes ( Cate Blanchett) che per anni ha lavorato per la trasmissione 60 minuti della CBS con il famoso ancorman Dan Rather (Robert Redford)portando allo scoperto i favoritismi ricevuti dal presidente Bush per andare nella Guardia Nazionale e non in guerra in Vietnam. Una storia-scandalo venuta alla luce con un servizio televisivo che ha indotto al licenziamento di Mary Mapes e alle dimissioni di Dan Rather.Un grande cast con due premi Oscar e Dennis Quaid un attore molto amato del cinema americano, un inchiesta convulsa basata solo su fotocopie di documenti che hanno messo a soqquadro il mondo politico americano due mesi prima delle elezioni del presidente George W Bush,  portando  conseguenze spiacevoli per molte persone implicate.

Vanderbilt mette molta carne al fuoco portando in scena un opera giornalistica corale dove tutto funziona alla perfezione, dialoghi serrati, personaggi ben costruiti, dove si parla di etica del giornalismo, di informazione e disinformazione,  ponendo l’accento sul grande potere di internet che spesso da luogo a persecuzioni mediatiche e a un informazione forviante. Uno spaccato forte della figura del giornalista che manipola ma a sua volta è manipolato, dove nessuno è vincitore, ognuno porta con se una sua verità. Attori di grande spessore e dall’immagine forte, un ritorno di Robert Redford nella parte dell’ancorman e l’amico adorato, Cate Blanchett regge in modo superbo tutto il film, è lei il deus ex macchina di Vanderbilt, gratificata da una superba fotografia che la rende magnifica riuscendo a mostrarne sia il volto coraggioso che la fragilità che emana, forse un po troppo stilizzata nell’immagine. Un inchiesta giornalistica ben costruita, dialoghi serrati, personaggi ben costruiti, didascalico, a tratti logorroico per la velocità dei dialoghi, un finale non scontato da forza alla storia che è un inno alla libertà di stampa.
In uscita il 1 gennaio 2016.

Adele de Blasi

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento