79 Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia – White Noise

79 Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia – White Noise è l’ultimo film di Noah Baumbach. In Concorso, alla 79. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica diVenezia; Particolarmente atteso, con una trama interessante. Ilconflitto esistenziale di un docente. Il lavoro in un noto campus e gli studi hitleriani. La vita sconvolta da un evento tossico aereo; oltre a questo la paura della morte che accomuna Jack e la moglie. In particolare una forza prorompente. Un raggio di luce nera incisiva sul muro. Il “rumore bianco” che avvolge la loro esistenza. Come punto finale lei. All’inizio l’esistenza. Dopodiché la riflessione.

79 Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia – White Noise col cast Adam Driver e Greta Gerwig. Anche Don Cheadle, Raffey Cassidy; inoltre Sam e May Nivola, Jodie Turner-Smith. Adattamento del romanzo di Don DeLillo. Baumbach realizza un’opera grottesca infatti si concentra su più generi. Drammatico, ironico, satirico. Il risultato è un film che esamina ossessioni e dubbi in particolare le paure radicate negli anni ’80. Chiari i riferimenti però alla realtà di oggi. Un Baumbach ambizioso ma cosciente di quello che mostra. In altre parole un film radicale. Ultima ma non meno importante, l’ispirazione. Successivamente motivata. Infatti è l’elemento chiave; un’ispirazione radicale.

Particolarmente esilarante e terrificante. Un concetto assurdo. White Noise racconta i tentativi di una famiglia americana di oggi nell’affrontare i conflitti mondani. Infatti un riflesso contemporaneo e per lo spettatore un film difficilmente scontato. Soprattutto i misteri universali di amore e morte. Inoltre la bravura degli attori; sensazionali nei loro ruoli. Di conseguenza dei valori aggiunti. Una felicità vissuta

Alessio Giuffrida

Rate this post

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment