Acrid

Soheila e Jalal sono una coppia di mezza età in crisi, molte poche cose in comune e nessuna comunicazione, un matrimonio ormai usurato dalla stanchezza e anche dalla profonda indifferenza che dimostra Jalal per la moglie. Azar è la nuova segretaria di Jalal, sposata con Khosro, istruttore di scuola guida, due figli piccoli e tutto il peso della famiglia sulle spalle. Khosro è infedele, infatti ha una relazione con una sua allieva di guida, una donna colta insegnante all’università di chimica Mahsa per la quale vuole lasciare la famiglia per farsi una nuova vita. Misha, giovane universitaria figlia di Jalal, è disperata per il tradimento del fidanzato.

La ragazza di fronte a un fatto così doloroso decide di ritornare a casa per farsi consolare dal padre, il ginecologo Jalal, anche lui un incallito infedele che assume solo donne single nel suo studio per motivi poco professionali. Il regista Klarash Asadizadeh mostra una realtà femminile molto sola e disperata, donne che vengono tradite e ignorate dagli uomini. Un intreccio di relazioni complesse dove l’amore è finito e la donna in qualche modo è sottomessa, non si è ancora liberata. La società iraniana viene vista come ipocrita, dove si vivono situazioni sentimentali nell’ambiguità rendendo infelici le persone vicine. Forse il titolo del film sta a dimostrare come certi comportamenti pregiudichino la vita degli individui non lasciando spazio alla felicità. Il registra mostra un mondo fatto solo di ipocrisia, dove la tradizione vince su tutto, i pregiudizi non vengono combattuti. La pellicola ci mostra solo donne che soffrono e non hanno la forza di ribellarsi anche di fronte al tradimento, tanto dolore, nessuna gioia se non l’asprezza della vita.

Carlo Cerofolini

acrid
DATA USCITA 11 giugno 2015
GENERE Drammatico
ANNO: 2013
REGIA: Kiarash Asadizadeh
ATTORI: Saber Abar, Ehsan Amani, Pantea Panahiha, Nawal Sharifi, Shabnam Moghaddami
DISTRIBUZIONE:  Imagica Original
PAESE:  Iran
DURATA: 94 min
Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento