Festa del cinema : Junun

Junun”

Quando si parla di uno come P.T Anderson è necessario, innanzitutto, essere cauti nel dare giudizi a caldo, secondariamente bisogna in ogni modo evitare la tentazione di inserire una sua opera in una categoria precisa. Questo discorso vale, a maggior ragione, per “Junun”, che dopo una visione oculata difficilmente potrebbe essere catalogato ed archiviato come documentario. Se della forma documentaria ha infatti l’istintività del vedere cosa succede, il regista americano rompe completamente con la tradizione evitando quasi sempre il parlato, sì ridotto all’osso ma proprio per questo che va a sublimare una cultura millenaria come quella indiana – “Io non credo in un solo Dio, credo in tutti gli dei di tutte le religioni”: particolarmente interessante che un’operazione del genere venga fatta da uno che ha sempre gettato sguardi tra i più lucidi sulla contemporaneità occidentale -.

La macchina da presa amatoriale quindi segue in maniera sporca – eppure anche qui, a sprazzi, compaiono alcune peculiarità del manierismo di Anderson, come la luce esterna che permea gli spazi interni e l’onnipresenza dei volti – la collaborazione tra il chitarrista dei Radiohead Jonny Greenwood  e Shye Ben Tzur per la composizione dell’album appunto intitolato “Junun”.

L’intento/esperimento di Anderson sembra essere stato  di mettere da parte il cinema per lasciare che la musica – all’interno della quale si trovano commistioni di sonorità contemporanee e ritmi atavici – sia l’assoluta protagonista: nell’epoca della riproposizione del concerto di “The Wall” in 4k, un film come “Junun” rappresenta un rischio che pochi hanno il lusso (e il coraggio) di prendersi.

Antonio Romagnoli

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento