NETFLIX – 69 Festival di Berlino: Elisa & Marcela – dreamingcinema.it

Ambientato a cavallo fra Ottocento e Novecento, fra la Spagna e il Portogallo, Elisa & Marcela ( Natalia  de Molina – Greta Fernandez) di Isabel Coixet racconta l’avvincente storia di un amore omossessuale e dei suoi drammatici ostacoli. Alla ricerca disperata di salvezza nell’ambito di un clima invivibile e violento contrassegnato dal pregiudizio di una società radicata nella morale cattolica, le due giovani amanti si vedono costrette a ricorrere a uno stratagemma singolare e dalle estreme conseguenze…

Grazie a diversi sperimentalismi cinematografici il film, fondamentalmente godibile, scorre piacevolmente riuscendo a catturare l’attenzione del pubblico. La pellicola, interamente in bianco e nero, alterna vivacemente oscure e intime scene di interni a suggestivi paesaggi aperti. Attraverso la ben nota, anche se oggi in disuso, tecnica dell’iris, le scene chiave, volte a scandire gli snodi fondamentali della trama nonché degli stati emotivi dei personaggi, restano impresse negli spettatori perché incorniciate da un foro circolare che si apre e si chiude sull’immagine.

Ma, al di là degli espedienti tecnici, il film ha il merito di riuscire a costruire con il pubblico –soprattutto con quello delle donne – una grande empatia. La storia d’amore è infatti via via tratteggiata da una grande delicatezza, tutta femminile appunto, il cui dramma e le cui peripezie non possono non colpire, specialmente se si tiene conto – come del resto ci segnala la regia sin dall’inizio – che i fatti si ispirano a una storia vera. Infine un ulteriore merito del film dal tono indubbiamente tragico è quello di riuscire a spezzare, seppur per brevi tratti, tale drammaticità di fondo con una punta di ironia e con qualche battuta brillante.  Un lavoro senz’altro ben riuscito quello della regista spagnola Isabel Coixet dietro al quale è inevitabile scorgere, nonostante l’ambientazione storica, un’amara denuncia sull’attualità.

Maria Francesca Ponzi

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento