Festival di Venezia: First Reformed

La voglia di ricominciare da capo da parte di un ex cappellano militare  distrutto dalla morte del figlio lo porterà all’incontro con una donna che ha da poco perso il marito, suicidatosi qualche tempo prima. La sua chiesa non è però quello che sembra …

”L’immagine di Ethan Hawke mi è apparsa mentre stavo scrivendo. Quando lo contattai lui prontamente mi ha risposto pochi giorni dopo aver ricevuto lo script di essere entusiasta di questa parte. Anche con Amanda Seyfried ho avuto il piacere di poter intraprendere un bel rapporto lavorativo. Posso affermare che sono due interpreti incredibili dotati di un forte carisma.” Uno Schrader che analizza la radicalizzazione della religione, mostrando fino a che punto arriva la fede di un uomo; First Reformed (in concorso alla 74° edizione del festival del cinema di Venezia) è un inaudito conciliabolo che devasta, inquieta, massacra l’ideologia del credo attraverso gli occhi di un povero ex cappellano alla costante ricerca di una risposta. Una fotografia bella sul piano estetico, ma tremendamente algida sul piano percettivo rendono questo lavoro un prodotto senza dubbio empatico, nonostante una compassata narrazione. Lo spettatore rimane totalmente arenato nella “mestizia esistenziale” dei protagonisti coinvolti.

Avvalendosi di interpreti di un certo spessore ( Ethan Hawke su tutti) Paul Schrader decide di intraprendere un percorso complesso, affrontando una tematica sensibile attraverso la settima arte. L’osservanza con cui il regista decide di intraprendere il tutto è sbalorditiva, “saziando” senza mezzi termini, i suoi più fedeli estimatori. First Reformed “punta il dito” verso la corruzione ecclesiastica, verso tutta quell’ipocrisia, quell’arrivismo ma anche quella vulnerabilità che spesso e volentieri fa perdere la credibilità di certi apparati. Il film di Schrader vanta sostanzialmente una sceneggiatura molto lunga e ben ponderata. All’apparenza può risultare un normale thriller ma in realtà First Reformed è molto di piú .

Alessio Giuffrida

4.9 (98.46%) 13 votes

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento