Il capo perfetto (film 2021)

Il capo perfetto” ( El buen patron)  è un film diretto da Fernando Leon de Aranoa ed è stato scelto per rappresentare la Spagna ai prossimi Oscar. La pellicola uscirà al cinema il 23 dicembre distribuito da BIM distribuzione. Blanco (Javier Bardem) è proprietario di un’importante azienda che produce bilance industriali. Un giorno gli viene comunicato che è in lizza con la sua impresa  per un premio di eccellenza locale. Per ottenere tale riconoscimento dovrà dimostrare di essere veramente un capo perfetto.

A casa di Blanco c’è un’intera parete alla quale sono affissi numerosi premi. Sono tutti disposti in bell’ordine. Per ottenerli ci è voluta una grande capacità imprenditoriale e di gestione ma soprattutto tanto controllo. La bilancia che vediamo all’entrata della fabbrica è sinonimo della personalità dell’imprenditore: in ogni situazione ha sempre le redini in mano e non è soddisfatto se tutto non si incastra perfettamente. La sua routine quotidiana è scandita dai giorni della settimana e da un serie di azioni precise. Javier Bardem è impeccabile con la sua auto sempre lucida e la sua dote di grande affabulatore. La sua difficoltà è che sembra rimasto fermo a un mondo dove la tecnologia non era ai livelli odierni. Questo lo vediamo nel suo vestire ma anche in situazioni in cui non sa che esistono nuovi dispositivi e soprattutto disagi molto più complicati che non si possono sbrogliare facilmente.

“Il capo perfetto” è un film in cui vari registri si mescolano alla perfezione senza che uno prevalga sull’altro. Tutti i personaggi che gravitano intorno al capo, anche se minori, hanno un ruolo importante nell’intero ingranaggio come quello che impersona  Manolo Solo e Almudena Amor. Lo spettatore non si annoia mai è soggiogato dal fascino del manipolatore, affabulatore che tira i fili dei personaggi da grande burattinaio senza scrupoli e  morale. Un racconto tragico, corale dove le storie si intrecciano in una commedia dai toni cupi, uno specchio del mondo del lavoro dove la solidarietà è schiacciata dal profitto. Fernando León de Aranoa apre con il suo cinema una grande finestra sulla società, entra nelle case e nel mondo del lavoro virando verso la tragedia. Un lavoro apprezzabile da non perdere

Maria Vittoria Guaraldi

Rate this post

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment