Il padre d’Italia

 Il padre d’Italia – Paolo ha 30 anni, una vita solitaria, un esigenza nascondersi dal mondo che lo circonda, un passato doloroso difficile da superare. Una notte, per puro caso incontra Mia una cantante rocchettara eccentrica, è al sesto mese di gravidanza, la sua vita sarà messa sottosopra da questo incontro. Paolo, in uno slancio di generosità, cercherà di accampagnare Mia a casa, un viaggio per l’Italia per scoprire se stessi e ritrovare la gioia di vivere.

Fabio Mollo ritorna a parlare di paternità guardata dal punto di vista genitoriale, si smette di essere figlio per essere genitore. Paolo e Mia hanno una precarietà che li accomuna, Paolo (Luca Marinelli) si lascia trasportare da un’energia che credeva persa quella di Mia (Isabella Ragonese).Un film intimo che il regista incentra su due straordinari attori, Mia è una cantante che ingoia la vita e investePaolo come un ciclone ribaltando tutti i suoi canoni di vita. Una storia on the road, che parte da Torino arrivando in Calabria su un furgone, una storia d’amore, un viaggio super intenso per arrivare al Sud dove ci sono le radici di Mia, quì i personaggi si spoglieranno di tutte le barriere che si sono costruite e si lasceranno andare. Un incontro tra due estranei, lei stravagante è una sbandata senza regole, lui serio, triste con alle spalle un amore finito dopo 7 anni con Mario, per paura di vivere una vita vera di coppia. Mia e Paolo si incontano e si riconoscono, si scelgono e si mettono a nudo, il viaggio da la possibilità a Paolo di scoprire il suo animo, da questo corto circuito nasce qualcosa di poetico che li avvicina. Un tema forte girato dal regista con grande grazia senza sbavature, per parlare di paternità, d’amore e di solitudine, Mia è una parte di Paolo che lei non conosce, lo stare insieme li porta a donarsi l’uno all’altra.

Il regista per sua ammissione si ispira a grandi classici cinematografici Ladri di banbini e Una giornata particolare, con un taglio contemporaneo. Si riflette sulla paternità, che è una scelta e a volte va al di là del fatto biologico, non ci si interroga sulla sessualità bensì sulla forza dell’amore. I personaggi nelle loro scelte non sono giudicati, questo film è anche il racconto della famiglia tradizionale con pregi e difetti e Paolo alla fine del viaggio scoprirà che le sue paure possono essere superate e la famiglia è un porto sicuro , la paternità sarà fonte di gioia. Un racconto poetico, non un melò, girato tutto in piano sequenza, Il padre d’Italia una commedia drammatica che racconta attraverso un viaggio on the road la ricerca di un futuro. Da vedere

 

 

 

DATA USCITA : 9 marzo 2017
GENERE : drammatico
REGIA: Fabio Mollo
ATTORI: Luca Marinelli, Isabella Ragonese, Anna Ferruzzo, Mario Sgueglia, Federica de Cola
DISTRIBUZIONE : good film
PAESE : Italia
DURATA: 93 min.

marinelli

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento