John From

 

Per un paradosso che non ci riesce di capire, l’unico motivo di slancio che muove l’individuo dei giorni nostri sembra essere sua maestà la Noia. Così è perlomeno per la giovane protagonista di “John From”, che decide di dare una scossa all’estate che scivolava via piatta corteggiando il vicino, fotografo molto più grande di lei e padre di una bambina.

Viaggiando di pari passo col fantasticare della ragazzina circa la relazione col dirimpettaio, il film si evolve senza forzature verso le rappresentazioni fantasmatiche della psiche di Rita – questo il nome della protagonista – che prendono il posto degli accadimenti reali. Traslazione, questa che va dalla realtà alla finzione, che oltre a condurre lo spettatore in uno stato di trance diventa una riflessione non scontata sulla funzione della narrazione cinematografica.

“John from”, tramite la propria capacità di affabulare chi guarda senza mai spezzare l’incantesimo, rappresenta un manuale – di felliniana memoria –  su come creare empatia col pubblico pur spingendo il piede sul pedale del surrealismo.

Antonio Romagnoli

 

John From

Di João Nicolau

Con Luísa Cruz, António Fonseca, Adriano Luz, Julia Palha, Leonor Silveira

Commedia 100’

Portogallo 2015

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento