la prochaine fois je viserai le coeur

Un poliziotto preciso, metodico ma dalla personalità torbida, indaga con solerzia su misteriosi omicidi di ragazze giovani, l’attenzione della polizia  è  focalizzata su un serial killer che uccide sempre con le stesse modalità. L’assassino riesce sempre a dileguarsi e la polizia brancola nel buio, ma quello che sembrava un puzzle irrisolvibile a poco a poco si dipana e nelle indagini ci sono le prime tracce dell’omicida. La polizia grazie ai messaggi inviati capisce  quale potrebbe essere l’identità dell’assassino  astuto nell’eliminare gli gli  indizi ma perverso nelle sue missive. Un noir giocato sul filo del rasoio dove tutto scorre alla perfezione e ci porta lentamente verso la risoluzione. Ispirato a alla storia di Alain Lamare, un fatto di cronaca nera che ha sconvolto la Francia per la ferocia.

Cedric Anger  da un immagine accurata di Frank ( Guillame Canet), uno psicopatico incapace di amare, solitario, con grosse turbe mentali che lo portano a infliggersi punizioni corporali nell’intimità. A questa aspetto  si contrappone l’uomo che ama gli animali, la natura, il bosco e il suo fratellino, forse nel suo inconscio è un latente omosessuale e questo lo spinge a uccidere belle autostoppiste. La mente di Frank è devastata da immagini orribili di vermi, una personalità doppia da un lato la follia e dall’altro la freddezza omicida, nessuna emozione nell’uccidere. Un bravissimo Guillame Canet che da una grande prova attoriale, tutto il film è incentrato su di lui, l’attore si da alla macchina da presa con energia non risparmiandosi, gli altri attori di fronte a tanta bravura sono solo immagini pallide. Unico neo non si riesce a percepire da dove sia maturata tanta avversione per il mondo femminile ma forse in una patologia del genere la follia si autoalimenta e diventa una sfida perversa nel tentativo di non essere identificati. Un noir potente che lascia a bocca aperta e ricorda molti fatti di cronaca alcuni ancora insoluti. Un idea di base geniale un gendarme che collabora alle indagini sui propri crimini, un uomo banale dalla vita normale, bravo nel suo lavoro ma con un mondo interiore distorto.

Adele de Blasi

1 (20%) 1 vote

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento