La vita è facile a occhi chiusi (2014) – festival del cinema spagnolo – dreamingcinema.it

Dal 3 all’8 maggio scorsi si è svolta presso il cinema Farnese l’XI edizione del Festival del cinema spagnolo a Roma. Fra le diverse iniziative ed eventi in programma non si è persa l’occasione di rendere omaggio al regista David Trueba attraverso la proiezione del suo film più importante e acclamato, La vita è facile ad occhi chiusi.

Premiata nel 2014 con ben sei premi Goya, questa delicata commedia racconta il viaggio nel sud della Spagna di Antonio (Javier Càmara), gioviale professore di inglese alla folle ricerca del suo amato John Lennon, impegnato nel frattempo in quelle stesse terre nelle riprese di un film. Durante il suo tragitto il professore incontrerà altre due persone, le quali per diversi motivi fuggono dalla loro vita e ben volentieri accetteranno di seguirlo in questa strana avventura. Belén (Natalia de Molina) è una giovane donna incinta, mentre Juanjo (Francesc Colomer) è un ragazzo di appena sedici anni, timido e silenzioso, scappato di casa dopo una lite col padre. In primo piano abbiamo dunque questi tre personaggi, con i loro sogni e le loro debolezze, mentre sullo sfondo affrescata da Trueba con estrema maestria e intelligenza si erge la Spagna di metà anni ’60, impaurita e violenta, arretrata culturalmente e ancora sotto il rigido controllo delle milizie di Franco. In questo contesto, l’automobile scassata del professore diventerà presto un’oasi di pace e serenità, un luogo ideale dove i tre protagonisti viaggeranno alla ricerca di se stessi per sconfiggere le proprie paure e ascoltare i propri sentimenti. La sceneggiatura è impeccabile, niente nelle relazioni fra i personaggi viene lasciato al caso e ogni parola o espressione del viso è volta ad esprimere pensieri nascosti e desideri celati. Come la musica dei tanto citati Beatles, la regia è allegra e malinconica allo stesso tempo, attenta ai dettagli e poeticamente pervasa da una gradevole leggerezza di spirito.

Vedendolo dopo anni dall’uscita, La vita è facile ad occhi chiusi si conferma un film di valore per come riesce a mescolare semplicità narrativa e risvolti sociali, oltre che per la sincera umanità con cui tratta le storie dei suoi personaggi.

Andrea Tiradritti

la vita è facile a occhi chiusi -locandina-dreamingcinema

Intervista a David Trueba realizzata al cinema Farnese con Adele de Blasi e Alessio Giuffrida

4 (80%) 1 vote

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento