Le guerre horrende (2018) – dreamingcinema

Le guerre horrende è il secondo lungometraggio di Luca Immesi e Giulia Brazzale con Livio Pacella, Désirée Giorgetti e Dario Leone; attraverso la vicenda del Capitano, dello Scudiero e del Soldato, dipinge l’orrore della Guerra, in senso prettamente universale. Ambientato in un fantomatico Purgatorio senza tempo, fra i boschi della provincia vicentina, il film narra una piccola grande storia di umano dolore, di quelle che la Guerra sa generare indipendentemente dalla buona volontà dei suoi protagonisti. La vicenda racconta lo straordinario incontro di tre singolari personaggi in un’atmosfera incredibilmente fiabesca, con un crescendo di conflitti, tensioni e colpi di scena.

Una favola nera di forte ispirazione teatrale e dai toni grotteschi liberamente tratta da Le guerre orrende di Pino Costalunga; Vere protagoniste del film, infatti, sono a diverso titolo sia la Prima che la Seconda Guerra Mondiale, le due più grandi guerre che l’umanità abbia vissuto e patito finora. Rimanendo fedeli al testo di partenza la poesia riveste un ruolo principale nel film, i vari personaggi durante la vicenda recitano versi di Folengo, Ruzante, gli anonimi pavani, Pessoa, Apollinaire, Govoni. Sostanzialmente quello che si evince dal lavoro firmato Immesi-Brazzale è la voglia di “generare” un particolareggiato ed intimistico microcosmo, osteggiato da guerre ed inaudita violenza. Come con Ritual, la spiritualità artistica del duo registico viene esternata con sacrale oculatezza; in una narrazione, all’inizio favolistica e teatrale, surreale e sognante, con lo svolgersi della stessa, lascia il passo al dramma della guerra, attraverso un “affresco” tanto crudo quanto realista.Da vedere

Alessio Giuffrida

DATA USCITA :
GENERE : Drammatico
REGIA: Giulia Brazzale, Luca Immesi
ATTORI:  Cosimo Cinieri, Désirée Giorgetti, Dario Leone, Livio Pacella, Milton Welsh.
DISTRIBUZIONE :
PAESE :
DURATA: 76 min.

locandina-le guerre horrende-dreamingcinema

3.5 (70%) 12 votes

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento