Lo chiamavano Jeeg Robot

 

Enzo Ceccotti (Claudio Santamaria) è un ladruncolo di Tor Bella Monaca che vive di espedienti,un giorno inseguito dalla polizia nel tentativo di nascondersi si tuffa nel Tevere e viene in contatto con una sostanza radioattiva che gli da una forza sovraumana. L’essere invincibile è una benedizione per la sua escalation di delinquente, permettendogli di incontrare Alessia (IleniaPastorelli) una ragazza fragile e disturbata, appassionata di fumetti e del cartoon giapponese Jeeg Robot d’acciaio che cambierà  la sua vita. I super poteri daranno a Enzo la possibilità di un riscatto economico, mentre la città Roma è sotto schiaffo per gli attentati bombaroli dei malavitosi che vogliono spartirsi la città.

Un impianto fumettistico condito con grande ironia è quello che porta sullo schermo Mainetti affrontando la sfida con i film di genere americani a testa alta,  trovando la propria strada attraverso la proposizione di un supereroe tutto italiano. Un testa a testa tra Lo chiamavano Jeeg Robot e Deadpool, due antieroi scaciati  e a volte sboccati ma dotati di un forte carisma che buca lo schermo con personaggi indimenticabili. Claudio Santamaria, un personaggio ombroso, totalmente isolato dal mondo circostante, una vita inutile fatta di furti, budini alla vaniglia e film porno. Luca Marinelli, lo zingaro, borderline, eccessivo un piccolo boss meticcio deciso a farsi strada, folle, imprevedibile, e ossessionato dal canto, destinato ad entrare nel cult per le sue esibizioni canore tra la Bertè e Anna Oxa. Ilenia Pastorelli, esordiente, perfettamente in parte nel ruolo della ragazza fragile decisa a salvare il mondo con i personaggi magici del fumetto.

Un film dai grandi potenziali per una scrittura perfetta, recitato superbamente dagli attori diretti con maestria da Mainetti che pur essendo un debuttante alla regia dimostra di essere molto avvezzo al mezzo cinematografico facendo un piccolo gioiellino tra inquadrature, effetti speciali, ironia e creatività, questo lo rende unico essendo un opera prima. Una storia di un eroe borgataro raccontata con grazia e humor, effetti speciali calibrati anche dovuti a un budget contenuto, un racconto nato per puro intrattenimento che divertirà molto il pubblico, non diremo altro per non contaminare la magia del film e fare scoprire allo spettatore molto altro. Assolutamente imperdibile.

 

Adele de Blasi

lo-chiamavano-jeeg-robot-poster1LOC
DATA USCITA : 25 febbraio 2016
GENERE: Fantascienza
REGIA: Gabriele Mainetti
ATTORI: Claudio Santamaria, Luca Marinelli, Ilenia Pastorelli, Stefano Ambrogi, Maurizio Tesei.
DISTRIBUZIONE Lucky Red
PAESE Italia
DURATA .112 min.
Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento