Menocchio (2018)

 

Menocchio è un mugnaio del Valcellinese che non accetta il credo cristiano dal momento che la chiesa che lo perpetra non condivide con i fedeli la povertà quotidiana. Alla fine del’500 la guerra ideologica dello Stato Pontificio metteva alle strette chiunque si ponesse dubbi sul credo, minacciando gli eretici con la scomunica o peggio il rogo. Difatti la battaglia di Menocchio coinvolge in realtà tutta la comunità di Montereale, la quale non è disposta a seguire fino in fondo i pensieri ribelli dell’eretico compaesano costringendolo a mettere da parte la propria ideologia per il bene comune.

Menocchio è una riflessione sulla coscienza più che un film storico, il quale sfrutta un personaggio molto caro al regista per regalarci un affresco sempreverde sull’intolleranza e la libertà di parola. Difatti il regista Alberto Fasulo da vita ad un sogno ricorrente che vedeva spesso protagonista il mugnaio ribelle e la imprime nel suo nuovo lavoro dopo Tir, facendo leva sulla solennità dei primi piani che rifulgono in atmosfere oscure da segregazione. La volontà che traspare nel corso della visione è quella di rievocare un’epoca in maniera naturale, evitando luci artificiali e circondando il protagonista Marcello Martini di attori non professionisti chiamati difatti a non recitare senza conoscere nemmeno la sceneggiatura.

Menocchio è la storia di un umile credente giudicato come eretico solo per aver rivendicato l’umanità della chiesa. Un uomo semplice che lamenta il fatto che preti, vescovi e lo stesso Papa sono anch’essi uomini che dovrebbero condividere la povertà che scandisce la vita quotidiana dei propri confratelli. Un ritratto storico che rischia di diventare forse un postulato sulla coscienza umana in luogo della fluidità narrativa.

Simone Ferrera

 

DATA USCITA : 8 novembre 2018
GENERE : Drammatico
REGIA: Alberto Fasulo
ATTORI:  Marcello Martini, Maurizio Fanin, Carlo Baldracchi, Nilla Patrizio,
DISTRIBUZIONE : Nefertiti Film
PAESE : Italia, Romania
DURATA: 103 min.

Menocchio-poster-dreamingcinema

3 (60%) 1 vote

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento