NETFLIX: El Camino – dreamingcinema.it

Heisenberg è morto. Il signore della droga di Albuquerque ha compiuto la sua vendetta e ne ha pagato il prezzo. Mentre la polizia raggiunge il luogo del suo ultimo massacro, Jesse Pinkman (Aaron Paul) fugge a bordo della Chevrolet El Camino rubata a Todd, il suo carceriere che ha appena ucciso. La sua prigionia è finita, è un uomo libero, dai suoi carcerieri e dal suo socio ormai morto. Fugge lungo le strade della città gridando a squarciagola, euforico. Ma per un incubo che finisce, ne comincia un altro: Jesse non è ancora libero di andare avanti con la sua vita. Dovrà trovare la maniera di lasciare la città e costruirsi una nuova vita, ma non prima di aver recuperato i soldi necessari a comprarsi una nuova identità e un futuro. Sempre che riesca a liberarsi dai fantasmi del suo passato.

A sei anni dalla conclusione di Breaking Bad, una delle serie più apprezzate da critica e pubblico di sempre, Vince Gilligan, il suo autore, riparte dal finale della storia raccontata lungo cinque stagioni per regalare alla sua creatura una coda di cui, sinceramente, si sentiva davvero il bisogno. Infatti, nell’episodio finale, Jesse Pinkman non vedeva risolta appieno la sua storia. Lo si vedeva fuggire in auto, gridando, senza sapere quale sarebbe stato il suo vero destino. Da un punto di vista narrativo, la cosa aveva un senso, dal momento che, inevitabilmente, era la morte di Heisenberg/Walter White il punto di arrivo naturale della storia. Ma ai fans era rimasta la curiosità di sapere cosa sarebbe successo a Jesse. Per raccontarcelo, Gilligan, da grande autore qual è, decide di girare un film privo di sensazionalismi, non basato su sorprese o strizzatine d’occhio agli spettatori (nonostante, in diversi flashback, ritornino alcuni dei personaggi della serie originale, per la gioia degli appassionati). Il merito principale di El Camino è quello di voler raccontare una storia, allo stesso tempo, libera di vivere di vita propria e legata indissolubilmente alla serie da cui deriva. Ne risulta un thriller teso ed emozionante, una corsa contro il tempo piena di emozioni e situazioni indimenticabili che mettono, stavolta definitivamente, la parola fine sul grande universo narrativo di Breaking Bad.

Michele Innocenti

Rate this post

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment