Mostra del cinema di Venezia 76 : Storia di un matrimonio- NETFLIX

Charlie (Adam Driver) e Nicole (Scarlett Johansson) si sono conosciuti da giovanissimi: lui era un regista di teatro d’avanguardia di New York, lei un’attrice di Los Angeles diventata famosa per una commedia adolescenziale di grande successo, al quale rinuncia per sposarsi con Charlie e lavorare nella sua piccola compagnia teatrale. Gli anni passano, i due hanno un figlio, Henry (Azhy Robertson) e continuano a collaborare con successo. Fino a quando qualcosa si rompe: Nicole si sente soffocare da quello che considera un eccesso di egocentrismo di Charlie e decide di lasciarlo e di tornare a Los Angeles per girare un pilota televisivo. Quando decide di divorziare da Charlie, rivolgendosi a Nora Fanshaw (Laura Dern), spietato avvocato divorzista, per i due comincerà un periodo di confronti e scontri che metteranno a rischio la quiete che i due, seppur separati, si erano promessi a vicenda.

Mescolando con intelligenza e sensibilità dramma e commedia, Baumbach racconta la fine di una storia d’amore e le sue piccole ma tragiche conseguenze sui due membri della coppia e i loro familiari. Nell’affrontare l’odissea giudiziaria di un divorzio nell’assurdo sistema legale statunitense, gestito da avvocati senza scrupoli, più determinati a vincere che a fare il bene dei propri clienti, i protagonisti vedranno crollare le proprie certezze e i loro punti di forza e saranno costretti ad affrontare l’ex partner, i conflitti mai risolti e i propri limiti. Il tutto arricchito dalle performance di un cast in stato di grazia (tra i quali spiccano la Dern, Ray Liotta e Alan Alda), capeggiato da due protagonisti meravigliosi, con la Johansson che regala quella che è, probabilmente, la migliore interpretazione della sua carriera e Driver che si conferma il miglior attore della sua generazione. Cinema indipendente americano al suo meglio.

Michele Innocenti

2/5 - (1 vote)

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment