Mostra internazionale d’Arte cinematografica di Venezia: Qui rido io

Mostra internazionale d’Arte cinematografica di Venezia – Qui rido io, è l’ultimo film del regista Mario Martone presentato in Concorso. La pellicola, vede come protagonista il celebre attore Toni Servillo, in un “ritratto” del grande attore e commediografo napoletano Eduardo Scarpetta. Agli inizi del ‘900, nella Napoli della Belle Époque, splendono i teatri e il cinematografo. Il grande attore comico Eduardo Scarpetta è il re del botteghino. Il successo lo ha reso un uomo ricchissimo: di umili origini, si è affermato grazie alle sue commedie e alla maschera di Felice Sciosciammocca che nel cuore del pubblico napoletano ha soppiantato Pulcinella. Il teatro è la sua vita e attorno al teatro gravita anche tutto il suo complesso nucleo familiare, composto da mogli, compagne, amanti, figli legittimi e illegittimi tra cui Titina, Eduardo e Peppino De Filippo. Al culmine del successo Scarpetta si concede quello che si rivelerà un pericoloso azzardo. Decide di realizzare la parodia de La figlia di Iorio, tragedia del più grande poeta italiano del tempo, Gabriele D’Annunzio. La sera del debutto in teatro si scatena una dura contestazione che comporta all’interruzione della commedia tra urla, fischi e improperi sollevati dai vari poeti e drammaturghi comportandone alla querela da parte dello stesso D’Annunzio.

Il film di Martone si focalizza con la prima storica causa sul diritto d’autore in Italia. Gli anni del processo riguardanti la persona di Eduardo Scarpetta Martone li rappresenta come dei “demoni” logoranti per lui e per tutta la famiglia tanto che il delicato equilibrio che la teneva insieme pare sul punto di dissolversi.  Qui rido io ha quel tono “agro-dolce” che suscita nel pubblico spettatore piacevolezza e sgomento. Come nella vita del protagonista, lo spettatore passa da una componente ad un’altra in base alle vicissitudini rappresentate nel film. Plauso a Toni Servillo per l’autorevolezza con la quale interpreta un personaggio storico rilevante come Eduardo Scarpetta.

Qui rido io è l’affresco di un padre di famiglia, di un uomo sagace, ironico ma sensibile – quasi impotente – all’inesorabile crudezza degli eventi che lo coinvolgono. Per anni si è cercato di fare un “focus” su questo personaggio; Mario Martone – con la sua solita maestria – riesce ad eseguirne una dettagliata storia cercando di approfondirla il più possibile.

Alessio Giuffrida

 

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment