NETFLIX: Bridgerton 1 stagione (2020)

Arriva sulla piattaforma Netflix per Natale la prima stagione della serie Bridgerton ed è subito un successo prodotta da Chris van Dusen famoso per la serie Scandal affiancato da Shonda Rhimes basata su i romanzi rosa di Julia Quin. Brigerton è un dramma sociale in costume pieno di romanticismo, il periodo storico fa da sfondo a una grande storia d’amore dove il protagonista è un nobile elegante, fascinoso e nero. Molto particolare questa rappresentazione storica che vede i neri nella nobiltà britannica e in altri livelli delle classi sociali.

Fuori da un reale contesto storico ma siamo in pieno (Armony book) dove l’amore è impetuoso tra Daphne, sguardo sognante alla Audrey Hepburn e il magnifico Duca, si parte da un sentimento di amicizia per essere totalmente travolti dai sentimenti. Location da sogno, scene di ballo incantevoli e costumi pazzeschi fanno di questa serie un grande successo alla Downtown Abby, un ritmo coinvolgente e una scrittura brillante  la rendono un cavallo di battaglia di Netflix, già si parla a fine prossimo anno della seconda stagione. La serie nasce da otto  romanzi e viene riproposta come nei libri, i personaggi sono gli otto figli Bridgerton tutti personaggi di rilievo e ognuno ha un suo spazio e una sua storia, una famiglia numerosa composta dalla madre, vedova del visconte Bridgerton, e gli otto figli, quattro sorelle e quattro fratelli.

 Una serie corale in una cornice ottocentesca, i personaggi femminili nella loro essenza ci ricordano Orgoglio e Pregiudizio e Piccole Donne, siamo lontani dall’eleganza misurata dei nobili di Downtown Abbay per l’ eccesso di sfarzi. Molti gli scandali, i duelli per onore e un pizzico di sesso a volte osé che non nuoce per assenza totale di volgarità. Forse qualcuno storcerà il naso la troverà melensa, dirà che si rasenta il cine panettone  ma in piena pandemia tanta eleganza e romanticismo sono un toccasana per lo stress, agli spettatori l’ardua sentenza.

 Adele de Blasi

4 (80%) 1 vote

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento