NETFLIX : Hollywood – wwwdreamingcinema .it

Ryan Murpy celebra l’età d’oro h0llywodiana tra luci e glamour ma puntando sulla diversità, siamo alla fine degli anni 40 di Hollywood dopo il conflitto della seconda guerra mondiale nell’immediato dopo guerra, un gruppo di uomini determinati  disposti a tutto tentano di scalare la mecca del cinema per per entrare nel mondo dei loro sogni. Tuttavia, dietro lo scintillio e gli strass, c’è ovviamente una dura realtà sui set e dietro le quinte del sistema sfavillante troviamo: razzismo, machismo, xenofobia, omofobia … Ryan Murphy rimodella il corso della storia con tono sfacciato e con il suo abituale senso dell’umorismo. Tarantino ci ha portato in un modo innocente e dorato in C’era una volta Hollywood ma il creatore di American Horror Story ci invita a scoprire l’eccentricità, la follia della sua Hollywood.

Siamo nel 1947 e nella città dei sogni sono in tanti a tentare una carriera nello show business e a cercare di diventare una stella del cinema. Tra questi c’è anche il giovane regista esordiente Raymond Ainsley, un ragazzo talentuoso che ha sempre avuto una fascinazione e un’attenzione particolare per coloro che non ce l’hanno mai fatta a sfondare, come ad esempio l’attrice Anna May Wong, la prima star asiatica di Hollywood che nella sua carriera ha subito tante ingiustizie. O Hattie McDaniel, la celebra Mami di Via col vento, premiata sì con l’Oscar ma troppo poco considerata a causa del colore della sua pelle. Anche la fidanzata di Raymond, la splendida Camille Washington, è afroamericana, nonché una delle giovani attrici più brillanti e promettenti dei fittizi Ace Studios. Il loro sogno sarebbe riuscire a produrre un film sulla tragica, vera storia di Peg Entwistle, una giovane attrice che un decennio prima si suicidò gettandosi dalla monumentale scritta Hollywood

La mini-serie Netflix inizia tuttavia sotto gli auspici molto oscuri e neri dove Hollywood non ha posto per attrici afroamericane e asiatiche, bianchi gay e ancor meno per sceneggiatori afroamericani gay. Una realtà storica, che descrive un’industria terribilmente malsana basata in parte su molte molestie sessuali, come l’agente interpretato da Jim Parsons , perfetto in questo ruolo, che Murphy non vuole nascondere sotto il tappeto al contrario mostra senza remore la sua perversione. Una miniserie che celebra il cinema, il glamour e un inno alla speranza per le donne, i gay, gli Afro. gli Asiatici e gli Americani, tutto quello che forse avremmo dovuto leggere su i libri di storia e non abbiamo mai letto.

Adele de Blasi

 

 


Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento