NETFLIX: Mosul – Film (2020)

Mosul è un war movie scritto e diretto da Matthew Michael Carnahan. Il film è stato presentato fuori concorso in occasione del Festival di Venezia 2019 ed è ora disponibile sulla piattaforma Netflix. Il titolo prende il nome dalla città irachena occupata dallo Stato Islamico dal 2014 al 2017. È qui che l’unità locale Swat, capeggiata da Jasem (Suhail Dabbach), combatte le ultime cellule terroristiche ancora attive con ogni mezzo necessario e attraverso missioni ad alto rischio. L’ultima recluta del team è un giovane poliziotto di nome Kawa (Adam Bessa), deciso a vendicare la morte di suo zio.

Traendo ispirazione da un lungo reportage del New York Times, l’esordio alla regia di Carnahan è un’immersione senza sconti nell’inferno quotidiano della guerra in Iraq, vissuta da soldati mussulmani decisi a riprendersi ciò che il terrorismo gli aveva portato via e ricostruire una parvenza di futuro nonostante la devastazione e la sofferenza patita. È proprio il desiderio di vendetta e lo spirito di fratellanza che unisce i protagonisti nonostante il pericolo e la certezza, se catturati, di essere uccisi. Supportato dalla presenza dei fratelli Anthony e Joe Russo in sede di produzione, Carnahan realizza un film di guerra ben dentro gli stilemi del genere, sorretto da una scrittura essenziale e antiretorica. Così come è innegabile nel lavoro di messa in scena l’influenza dell’estetica videoludica dei recenti Call of Duty. Se l’azione pura resta il vettore principale, il film evita qualsiasi rischio di mitizzazione dei protagonisti, mostrandone invece le vulnerabilità e le umane motivazioni, le reazioni di fronte all’orrore e alla morte, lanciando anche una riflessione non banale sul fallimento della politica statunitense in Iraq.

Mosul è un film che tiene incollati allo schermo dal primo all’ultimo secondo, diretto con mestiere e un gran senso del movimento, capace di sfruttare gli stilemi tipici del genere senza dimenticare il lato umano dei personaggi. Rappresenta un significativo passo di maturità e coraggio nel cinema di genere contemporaneo per la capacità di confrontarsi con la storia recente e di metterne in luce le complessità.

Laura Sciarretta

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment