Omicidio all’italiana

Un omicidio curioso sconvolge la vita di un anonimo paesino Acitrullo, sperduto paesino dell’entroterra abruzzese, dove la vita scorre monotona. Il sindaco (Maccio Capatonda) e il suo vice (Herbert Ballerina) vorrebbero dare lustro al paese dove ora mai non ci sono che poche anime, per fare tutto ciò inscenano un finto omicidio di una contessa e si scatena un delirio mediatico. Sul posto arrivano le forze dell’ordine e la troupe della famosa trasmissione televisiva “Chi l’acciso” capitanati dalla mitica dottoressa Donatella Spruzzone (Sabrina Ferilli). La dottoressa Spruzzone darà al paesino una grande visibilità e qui si accalcheranno folle di curiosi impazziti, giornalisti, si profila una notorietà pari a Cogne. Ma davvero c’è stato un omicidio o il bluff sarà scoperto…

Maccio Caaotonda, brilla per originalità e comicità surreale, in questo contesto crea un idioma tutto suo il citrullese, un dialetto buffo trovato al primo ciack del film, il regista non giudica o condonna quello che accade ma punta il dito sulla morbosità che si scatena di fronte a efferati omicidi e sul turismo dell’horror molto in voga. Gli spettatori sono sempre pi coinvolti da serie horror e da trasmissioni che scarnificano delitti portando il pubblico a un voyerismo senza limiti. Una splendida Sabrina Ferilli incarna alla perfezione Barbara d’Urso, con abiti sexy, capelli svolazzanti e con espressioni di finto dolore, purtroppo questo è quello che ama gran parte del pubblico visto gli share. Roberta Mattei  è Gianna Pertinente, un agente tosta che non molla il caso, pronta a tutto per scoprire l’imbroglio, Roberta Mattei, splendida attrice, ci regala una una parte di se inedita dimostrando di essere perfetta in tutti i ruoli e uscendo da cliché drammatici, ovviamente i mattatori sono la coppia Capatonda – Ballerina, duo affiatassimo. Si racconta anche la storia di un paese che cerca la notorietà e come sia altrettanto facile perdere la notorietà, il punto nevralgico sono le informazioni che riceviamo giornalmente, valanghe che non ci danno scampo. Molte le citazioni cinematografiche, che Maccio sostiene inconsce, un grande gioco dell’autore che porta in scena originalità mixata a divertissement.

Un film decisamente da vedere per la bravura degli attori e per le situazioni assurde, quando il cinema riesce a dare divertimento usando solo situazioni comiche senza addentrarsi nei meandri del pecoreccio.

Adele de Blasi

DATA USCITA : 2 marzo 2017
GENERE : Commedia
REGIA:  Marcello Macchia
ATTORI: Marcello Macchia, Luigi Luciano, Enrico Venti, Gigio Morra, Sabrina Ferilli, Roberta Mattei
DISTRIBUZIONE : Medusa
PAESE : Italia
DURATA: 90 min

maccio capatonda

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento