Ritorno alla vita

Per il ritorno al cinema di finzione Wim Wenders sceglie di ripartire dal punto da cui si era fermato, e cioè da un tipo di cinema che fa del  tempo e del suo divenire il principale strumento di ricerca. Nel caso poi di “Ritorno alla vita” ci sembra che la metodologia del regista sia diventata ancora più radicale nel diradare gli appigli che normalmente permettono allo spettatore di metabolizzare le asperità di certo cinema d’autore.

Wenders al contrario risulta monacale tanto nell’utilizzo degli attori (James Franco, Rachel Mac Adams, Charlotte Gainsbourg), spogliati o quasi di ogni aspetto riconducibile al loro essere star system, quanto nel procedere del narrato, impostato su un serie continuata di  “falsi movimenti” che, nel minimalismo cinetico delle singole sequenze cercano di far sentire il subbuglio dello spirito che le anima. Considerando poi che il ritorno alla vita del protagonista – uno scrittore prostrato dal senso di colpa per aver causato la morte di un bambino – si avvale di una fotografia che nella perenne oscurità degli interni, sembra voler raffigurare il baratro psicologico e il senso di morte che pervade la sua esistenza,  non appare peregrina l’idea che Wenders utilizzi la storia del film per mettere in scena la propria filosofia di vita, impostata secondo i dettami di una religiosità (cattolica) che in “Ritorno alla vita”, trova riscontro in una concezione salvifica del dolore; implacabile, come quello che attanaglia lo scrittore ma necessario a fare pace con i propri demoni. Come si evince dagli sviluppi sentimentali e lavorativi di cui sarà oggetto l’esistenza del protagonista al termine del suo percorso d’espiazione. Per vederlo non bisogna arrivare impreparati allo stile del regista.

Carlo Cerofolini

loc ok
DATA USCITA :  24 settembre 2015
GENERE:  Drammatico
REGIA: Wim Wenders
ATTORI: James Franco, Charlotte Gainsbourg, Rachel McAdams, Marie-Josée Croze, Robert Naylor
DISTRIBUZIONE: Teodora Film
PAESE: Germania, Canada, Norvegia, Francia, Svezia 2015.
DURATA:100 min
Rate this post

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment