SKy: Lei mi parla ancora – Film (2021)

Lei mi parla ancora è il nuovo film del regista Pupi Avati. Distribuito da Vision Distribution, è attualmente disponibile su Sky Cinema. . Quando Caterina viene a mancare, l’uomo non riesce a farsene una ragione. Non riesce a lasciarla andare tanto da continuare a vederla Nino (Renato Pozzetto) e Caterina (Stefania Sandrelli) sono sposati da 65 anni ma si amano come se il tempo non fosse mai passatola e parlarle in sogno. Sua figlia Elisabetta (Chiara Caselli) assume Amicangelo (Fabrizio Gifuni), un ghostwriter con aspirazioni da romanziere, per aiutarlo a superare la perdita attraverso un libro in cui raccogliere i ricordi del genitore.

Dopo la parentesi horror de Il signor diavolo, Avati torna alla vena più malinconica e sentimentale del suo cinema traendo ispirazione dal romanzo Lei mi parla ancora – Memorie edite e inedite di un farmacista di Giuseppe Sgarbi. Il dialogo costante tra passato e presente, sogno e realtà è reso molto bene dalla messa in scena ispirata e malinconica di Avati, che sembra voler far propri alcuni spunti tipici del cinema di Ingmar Bergman. Proprio Il Settimo Sigillo viene citato in uno dei tanti ricordi di Nino. Gli attori conferiscono un ulteriore livello di sincerità e commozione alla storia. A restare particolarmente impresso è però Renato Pozzetto nei panni del protagonista. Un uomo anziano che si aggrappa ai ricordi e che non sopporta il pensiero di essere rimasto solo. Proprio i ricordi, come fantasmi benevoli, lo accompagnano dolcemente verso il tramonto di una vita felice e piena d’amore.

Lei mi parla ancora è un film che invita il pubblico, soprattutto le nuove generazioni, a credere ancora nei sentimenti e nel potere salvifico della memoria. In fondo, come ci ricorda una citazione di Cesare Pavese: «L’uomo mortale non ha che questo d’immortale, il ricordo che porta, il ricordo che lascia».

Laura Sciarretta

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment