Solo gli amanti sopravvivono

L’incipit dell’ultimo film di Jim Jarmusch per gli appassionati dell’analogico è una vera delizia. Il cielo stellato si trasforma in un disco di vinile che spande nella stanza quelle sonorità fluttuanti e avvolgenti degli anni 60.I due amanti protagonisti di questa storia d’amore secolare si chiamano Adam ed Eve,due vampiri che sono l’archetipo degli outsider e dei bohémien, creature raffinate colte, fragili ed in pericolo,esposti alle forze della natura e ai margini della società,avviliti e succubi dall’imminenza di un nuovo Medio Evo.

Queste creature sono talmente sofisticate e snob che non mordono gli umani per procurarsi il sangue (vitale per la propria sopravvivenza), ma ordinano quello di laboratorio dietro lauto compenso a un complice dottore ospedaliero. Eve è una donna potente ed istintiva, rappresenta l’inconscio e vive a Rabat. Adam si lamenta degli uomini (gli zombie) ma è contraddittorio; infatti nella sua casa, situata nei sobborghi di una Detroit alla deriva,fatiscente e dismessa, ha più di cento fotografie di artisti intellettuali e scienziati, si individuano tra loro (Edgar. A.Poe, Kafka e Marlowe)
espressioni migliori di quegli zombie,come lui li chiama.

Il lavoro di Jarmusch è un inno dell’arte dell’immaginazione,la forma migliore dell’uomo,le dobbiamo la scienza,l’arte,la musica e la letteratura. Il film è una summa delle passioni del nostro Adam,che compone e suona con chitarre vintage Gretsh 6120, Silvertone 1457 mini amplificatori Supro,citazioni che rimandano alla Detroit che produceva automobili, ma era anche la sede della Tamla-Motown, ora in declino perfetta metafora della caduta dell’impero americano.L’ipnotica colonna sonora è la vera compagna di questo ritratto decadente sulla nostra condizione umana ormai alla canna del gas, è una vera chicca, si va dal liutaio olandese Jozef van Wiissem agli Sqrul, il gruppo di Jim. Lo sguardo retrò del regista non conosce limiti, coniuga stili di abbigliamento londinese della metà degli anni 60 con strumenti medio-orientali come l’oud, che Eve regala ad Adam.

L’atmosfera notturna rende oltremodo crepuscolari e pertinenti i due magnifici interpreti, Tilda Swinton (Eve) e Tom Hiddleston (Adam).Cammeo stringato ma essenziale di John Hurt, che interpreta Marlowe, scrittore elisabettiano che ci viene rivelato e che è segretamente l’autore di gran parte delle opere di un certo Shakespeare. Spiazzante e urticante, il nostro Jarmusch ti riconcilia con il cinema come luogo del pensiero in questa metafora “riflettente”che illumina il nostro percorso naturale e umano. Al nostro artista diamogli sangue sangue e ancora sangue per continuare la sua opera alchemica e ammaliatrice .
David Dori.

 

solo gli aman locandina
DATA USCITA: 15 maggio 2014
GENERE: drammatico
ANNO: 2013
REGIA: Jim Jarmusch.
ATTORI: Tom Hiddleston, Tilda Swinton, Mia Wasikowska, John Hurt, Anton Yelchin.
PRODUZIONE:  Gran Bretagna, Cipro, USA, Francia, Germania
DISTRIBUZIONE: Movies Ispired
PAESE  Gran Bretagna, Germania, Francia, Cipro, USA
DURATA 123 minuti
Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento