Sono tornato – film (2018) – dreamingcinema.it

Pensate se oggi Benito Mussolini cadesse dal cielo e atterrasse vivo e vegeto in un parco di Roma; fino a che punto i media e i cittadini lo prenderebbero sul serio? E’ questa la surreale domanda che sta alla base di Sono Tornato, remake nostrano del tedesco Lui è tornato, fortunata opera del 2015 tratta dall’omonimo best seller che racconta un immaginario ritorno di Hitler nella Berlino contemporanea. Eppure il film diretto da Luca Miniero e sceneggiato da Nicola Guaglianone non è un’opera che ha Mussolini al centro del suo racconto, piuttosto ne usa la figura simbolo come stratagemma per disegnare un affresco veritiero e deprimente della società italiana dei nostri giorni.Non sono le idee politiche del Duce ad essere giudicate, quelle furono già ampiamente condannate dalla Storia, ma lo strisciante “pensare fascista” di una cospicua parte degli italiani. Un modo di pensare (o non pensare) che non è mai stato debellato del tutto e che negli ultimi anni ha invece preso sempre più forza in quegli strati della società abbandonati dalle istituzioni, spaventati dai cambiamenti globali e mossi da ignoranza e razzismo verso i diversi, le minoranze, i migranti.

Nonostante sia evidente la voglia del regista di sperimentare linguaggi di visione eterogenei, passando dallo stile documentaristico a quello televisivo attraverso l’uso di registri e videocamere diverse, la trama è la parte più debole del film, un po’ perché la sceneggiatura è praticamente uguale a quella del cugino tedesco e un po’ perché la sua importanza sembra risiedere principalmente nel mostrare il preoccupante nichilismo della società in cui viviamo. Un’opera che mischia quindi la finzione al documento, la commedia al grottesco e vede un Massimo Popolizio tanto convincente nei panni del Duce quanto Frank Matano appare imbambolato in quelli di un giovane e ingenuo regista.

Vedendo Sono Tornato avrete forse l’impressione di scorrere la bacheca Facebook del populista medio, eppure è un buon film che ha il pregio di essere al passo coi tempi ricordandoci una volta di più di come il nostro sia un paese senza memoria, rancoroso e terribilmente sfiduciato. Un paese in cui magari ormai il saluto romano non è altro che una buona posa per un selfie, ma nel quale il “pensiero fascista” continua tristemente a vivere in ottima salute.  

Andrea Tiradritti

DATA USCITA : 1 febbraio 2018
GENERE : Commedia
REGIA: Luca Miniero
ATTORI:  Massimo Popolizio, Frank Matano, Stefania Rocca, Gioele Dix, Guglielmo Favilla
DISTRIBUZIONE : Vision Distribution
PAESE : Italia
DURATA: 100 min.

Sono-Tornato- locandina-dreamingcinema

3 (60%) 6 votes

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento