Tutti pazzi in casa mia

 

A differenza dell’esempio italiano, i drammaturghi d’oltralpe hanno saputo preservare quasi intatta la propria maniera del fare commedia. Non fa eccezione in tal caso “Tutti pazzi in casa mia” – “Une heure de tranquillité” il titolo originale al solito storpiato malamente dalla distribuzione italiana – che narra di come Michelle Leproux, professionista egocentrico oltre ogni limite, per tutta una serie di imprevisti non riuscirà a trovare un momento da dedicare al rarissimo disco “Me, Myself and I”, comprato per caso e per pochi soldi al mercato delle pulci.

Tutta la serie di stratagemmi narrativi che fanno procedere il racconto lasciano intendere fin da subito che il testo di partenza proviene dal teatro e soprattutto che è proprio il teatro la fonte – pare inesauribile – dalla quale un certo tipo di cinema francese attinge per non prosciugarsi a sua volta. Accade dunque che gli stereotipi di partenza caratterizzanti i personaggi passino in secondo piano rispetto all’efficacia con la quale l’equivoco di molieriana memoria s’inserisce in un tessuto drammaturgico pressoché perfetto, non precludendosi la possibilità di un finale poetico e tutt’altro che scontato.

Al netto di una costruzione impeccabile, l’unico difetto appartiene ancora una volta alle modalità distributive italiane e si tratta  del doppiaggio, che sta diventando una vera piaga per i film d’autore che arrivano nelle nostre sale e che va ad impoverire ulteriormente la cultura cinematografica di un pubblico – quello italiano – già di per sé abbastanza lacunosa e problematica.

Antonio Romagnoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

13939_650_320_dy_40_posti_gratuiti_per_il_film_Tutti_pazzi_a_casa_loc
DATA USCITA : 29 ottobre 2015
GENERE: Commedia
REGIA: Patrice Leconte
ATTORI: Christian Clavier, Carole Bouquet, Valérie Bonneton, Rossy De Palma, Stéphane De Groodt.
DISTRIBUZIONE: Universal Pictures
PAESE: Francia
DURATA: 75 min

Author: Adele De Blasi

Share This Post On

Submit a Comment