Un tirchio quasi perfetto

 Radin – Un tirchio quasi perfetto – L’avarizia è un difetto insopportabile che affligge molte persone, nella letteratura l’Avaro di Moliere ha aperto una finestra su uno dei sette vizi capitali. François Gauthier (Dany Boon) un violinista professionista è affetto da una congenita tirchieria frutto di una vita passata con un padre dissipatore, la sua esistenza è concentrata sul risparmio assoluto, trasporti, abbigliamento, energia elettrica, acqua calda, il cibo – non esita a mangiare cibi scaduti molto tempo fa pur di risparmiare. Un avaro, che ricicla regali ai colleghi, l’ossessione lo porta ad isolarsi dagli altri, ma è anche una barriera d’amore che gli impedisce di costruire legami. non ha amici, l’unica persona che gli è vicino è banchiere che lo ascolta, lui lo usa come psicanalsta e ovviamente non lo paga. La vita di Francois scorre senza scosse fino all’arrivo di Laura, che dichiara di essere sua figlia biologica, da quel momento tutto si complica, anche la ragazza è frutto della sua tirchieria un condom scaduto, da qui l’escamotage per nascondere il suo vizio, infatti Francois  finge di aiutare gli orfanelli messicani e si scatena l’inferno.

Da tirchio diventa un eroe ma per quanto tempo reggerà la commedia? Il film è tutto incentrato su Danny Boom che sfoggia un triste completino alla Mister Bean, gli altri personaggi sono molto secondari. Un film divertente dove il regista Fred Cavayé   punta il dito su tutte le ossessioni di Francois, un uomo molto comune che lotta con le nevrosi del portafoglio levando sapore alla vita, ogni spesa lo fa sudare freddo. Dany Boon (François) già campione d’incassi in Francia, con successi  come Giù al nord, Niente da dichiarare o Supercondriaco-Ridere fa bene alla salute, continua a farci ridere con commedie garbate. Una recitazione molto misurata per chicchierare di un uomo avaro, dove la sua vita è la conseguenza di sbagli familiari. Un film tenero ma anche commovente per parlare di come ci si adatta nella vita, l’entrata di due donne Laura la figlia e la violoncellista Valerie metteranno tutto in discussione e porteranno una ventata di aria fresca.

Una pellicola che fa riflettere sulla fiducia, l’amore e le relazioni umane che portano a un confronto da cui spesso scaturisce positività, e così che il regista ci porta ad indagare sulla nostra generosità del cuore. Da vedere

Adele de Blasi

DATA USCITA : 16 marzo 2917
GENERE : Commedia
REGIA: Fred Cavayé.
ATTORI: Dany Boon, Laurence Arné, Noémie Schmidt, Patrick Ridremont, Christophe Canard.
DISTRIBUZIONE :Bim distribuzione
PAESE :Francia
DURATA: 89 min.

tirchio

Vota il film

Autore: Adele De Blasi

Condividi questo post su

Invia un Commento